I racconti delle pietre

di Vittorio Camacci

Che sia nato un nuovo genere letterario?…. Proprio qui tra cumuli di macerie e polvere?….Chi è Vittorio Camacci?.
La poesia estemporanea, già radicata nel tessuto sociale come pratica sarcastica e fantasiosa, è sfociata nella musica da tempo negli stornelli dei suonatori di Organetto ed Armonica.

Oggi influenza anche una nuova corrente culturale, il racconto estemporaneo, prêt-à-porter. Ricco di riferimenti identitari, riprende il contenuto storico culturale locale inserendovi contenuti sarcastici e fantasiosi tipici della poesia di un tempo e ne sedimentata il contenuto. I sapori buoni della montagna dell’Alto Tronto….. Racconti che vanno letti tornando con la nostra mente al tempo dei racconti dei nonni, dove la fantasia si legava agli insegnamenti tramandati ed ad esperienze uniche, vi si aprirà una porta gigantesca e li, in quell\’atmosfera incredibile ecco la grande bellezza del nostro mondo….. Entrate e la vista supererà la realtà.

Continua a leggere

Articoli:

SOPRAVVIVIAMO… E NON DIMENTICHIAMO.

Con il confortante calo di tutti gli indici relativi al Corona-virus, aumenta tra i terremotati arquatani la voglia di ritornare ad una vita normale. Va bene uscire a passeggiare liberamente ed anche fare i lavoretti negli orti ed in campagna che fanno bene...

leggi tutto

L’AMORE IMPOSTO (Quanne si facì l’amore)

Affrontare il tema dell'amore antico non è cosa facile, esso era oscuro e debole, religioso e carnale, sentimentale e sociale basato principalmente sul guardare e non toccare. Dopo le mie ricerche solo una convinzione mi è rimasta nell' animo: anche allora le ragazze...

leggi tutto

Le donne che avevano “Le Virtù”

(In questo racconto ci sono riferimenti a pratiche curative arcaiche e popolari, pertanto è nostra premura avvertire i gentili lettori di non ripetere o replicare tali ricette perché alcune di esse non hanno nessun riscontro nella moderna medicina e sono assolutamente...

leggi tutto

LA RIVA BIANCA… LA RIVA NERA

" Tutto è finito, tace la frontiera, La riva bianca la riva nera Mentre una donna piange nella sera E chiama un nome che non risponderà " La nostra forzata quarantena è stata un sacrifico per noi umani ma ha ridato una nuova speranza alla Natura, a riprova di come sia...

leggi tutto

Favalanciata e ” Lù Finestrò “

E' affasciante il paesino di Favalanciata, una frazione ad ovest di Acquasanta Terme, che si erige sopra l' Antica Salaria su di un costone arenario sulla destra orografica del Fosso Rigo. Il suo centro abitato, caratteristico e originale, è composto da case...

leggi tutto

I SENTIERI DELLA SPERANZA

Come saranno le vacanze del futuro nessuno può prevederlo. Quando ricominciamo ed in che modo ancora non possiamo saperlo, di certo ancora per un po' di tempo dovremo rimanere distanziati e rimanderemo a giorni migliori le vacanze di un tempo. D' altronde ancora non...

leggi tutto

PANDEMIE ARQUATANE

" Loro cercan la felicità dentro a un bicchiere per dimenticar d' esser stati presi per il sedere ci sarà allegria anche in agonia col vino forte porteran sul viso l' ombra di un sorriso tra le braccia della morte"...

leggi tutto

PASQUA COM’ ERA.

La Pasqua di oggi è tutta basata sul consumismo. Già da febbraio nei supermercati possiamo trovare montagne di dolci a forma di agnello, colomba, campana, che insieme a tonnellate di uova di cioccolato fanno bella mostra di se sugli scaffali, snaturando profondamente...

leggi tutto

IL TRADIMENTO DI FONTE DELLA PUTETELLA

Durante la dominazione francese, gli ascolani erano sottoposti a pesanti contribuzioni e dovevano inviare costanti rifornimenti alimentari alla fortezza di Ancona. Allora, il 7 settembre 1809, dal suo accampamento di Venarotta, Giacomo Costantini detto Sciabolone,...

leggi tutto