I racconti delle pietre

di Vittorio Camacci

Che sia nato un nuovo genere letterario?…. Proprio qui tra cumuli di macerie e polvere?….Chi è Vittorio Camacci?.
La poesia estemporanea, già radicata nel tessuto sociale come pratica sarcastica e fantasiosa, è sfociata nella musica da tempo negli stornelli dei suonatori di Organetto ed Armonica.

Continua a leggere

Articoli:

Scrivere per esistere e per resistere

Arquata del Tronto tocca ancora il cuore di tutti, anche a sei anni di distanza dal terremoto che ha disgregato il suo tessuto sociale, la sua anima prima ancora delle sue mura. Io non sono rimasto fermo ad aspettare aiuti dall'alto, non ho cercato una guerra tra...

leggi tutto

IL GIORNO DELLA MADONNA DELLA SALUTE

Chi è legato a Spelonga ed alla sua storia, sa che il giorno speciale per questo paesino è il quello della Madonna della Salute. Alla mia età ho dei ricordi sbiaditi di quando ero bambino e partecipavo alla festa del paese ma rammento vividamente il clima cordiale che...

leggi tutto

GINOCCHIA DA LAVANDAIA

Tra i tanti mestieri andati perduti a causa del progresso, penso che quello della lavandaia sia stato il più disagevole e faticoso. Oggi si dice in tono ironico: "chiacchieri come una lavandaia", ignorando quanto sia stato duro e ingrato questo lavoro per intere...

leggi tutto

ANTICHE STRADE

I romani furono i più grandi costruttori di strade che permisero di collegare rapidamente le città conquistate di tutto il bacino mediterraneo e di tutto l'impero. Essi tracciarono circa 100.000 chilometri di percorsi lastricati e altri 150.000 di terra battuta ,...

leggi tutto

URSE BALLA

"Urse balla, urse balla Dai balla urse, dai gira Batta li zampe, dai gira Quanta gente fa la fila Pe' vedette sarda'   Balla urse, urse balla Dai tira e molla Chi nu' mude 'u ch'netre Tutta la vita ada' balla' Ma chie'ppe n' zecche de botte Si ni'n me fe'...

leggi tutto

MA’ DAMME LU PA’

Scommetto che sono pochi quelli delle nuove generazioni che hanno avuto la fortuna di poter assaggiare un pezzo di pane casereccio appena sfornato. Non potete neanche immaginare  cosa vi siete persi... E che cosa quelli anziani come me rimpiangono con molta nostalgia....

leggi tutto

IL RITORNO DELLA RONDINE

Ho aperto la finestra, un chiarore trema in alto ai primi raggi del sole che colorano di rosa le rocce del Vettore, mentre un vento freddo passa silenzioso tra gli alberi ancora nudi. Dal telaio della finestra, sposto le tende e guardo questo spettacolo della natura...

leggi tutto

I CAPANNONI DELLA SICE

In occasione delle Giornate del FAI ho visitato anche i capannoni dell'ex SICE ad Ascoli Piceno. Nel primo pomeriggio sono stato nel paese di Paggese ed ho partecipato alla visita guidata nella splendida chiesa di San Lorenzo che raccoglie numerosi tesori d'arte tra...

leggi tutto

MONTAGNA ENERGETICA

Gli attuali venti di guerra, che sono ritornati in Europa, hanno innescato una nuova emergenza energetica mentre nel nostro piccolo comune è notizia di questi giorni che gli irriducibili capodacquari, noti per non "addomarsi" mai , hanno permesso il ripristino di una...

leggi tutto

TORNEO AD ARX

Il cavalier Astolfo d'Acquaviva fermò il suo cavallo all'ombra della Rocca, scese e si sedette all'ombra di una grande quercia. Precedeva di alcune leghe la sua carovana composta da due palafreni, un purosangue e di tre muli carichi delle sue armi e della tenda, dove...

leggi tutto