I racconti delle pietre

di Vittorio Camacci

Che sia nato un nuovo genere letterario?…. Proprio qui tra cumuli di macerie e polvere?….Chi è Vittorio Camacci?.
La poesia estemporanea, già radicata nel tessuto sociale come pratica sarcastica e fantasiosa, è sfociata nella musica da tempo negli stornelli dei suonatori di Organetto ed Armonica.

Continua a leggere

Articoli:

STORIA INFINITA

Salendo a caso tra le ultime radure e i fitti gineprai scoprii che i vecchi sentieri di montagna erano per lo più scomparsi: chiusi o inglobati dalla vegetazione. Il tempo si era ripreso questi antichi passaggi, un nemico invisibile che aveva cancellato tanti viottoli...

leggi tutto

SANTA NOTTE

Accadeva spesso che la vigilia di Natale partorisse una bestia, quando le stalle erano ancora tante e si trovavano sotto le abitazioni, prima che i paesi tramontassero e insieme a loro quelli che vi abitavano, diventando una specie di piccole succursali dei...

leggi tutto

LU’ VINIRDI’ NIRE

La pandemia si è abbattuta nella post-modernità come un macigno piombatoci sul capo, ha sferzato le nostre resistenze psichiche, ha reso instabili i legami, mettendo a dura prova le speranze dell' "uomo estetico" del nostro tempo. In tempi di pandemia, in una...

leggi tutto

LA SEDIA ROTTA

Oggi mi sembra ieri, ieri sapevo come sarebbe stato oggi. Odio la politica, odio i luoghi comuni, odio le false promesse ed il servilismo perché dietro tutto questo si nasconde il vuoto e l'avidità, si cela un giro di denaro destinato ad arricchire i soliti...

leggi tutto

INVITO ALL’ OMERTA’

L'abbandono dei luoghi amati, dove si è nati e si è cresciuti, la perdita delle persone care che per vari motivi sono svanite, accomuna tutti gli abitanti del cratere e provoca un dolore che si sente e si riconosce chiaramente. Esso ci costringe ad aprire la bocca e...

leggi tutto

DAGLIE E DAGLIE… ( Cinque anni di patimenti )

Non mi piace scendere a valle; c'è troppa gente, troppa confusione. Ci sono i centri commerciali, le boutique, le palestre, le beauty farm, le discoteche, posti con tante pretese che non sono esattamente come li vedi, sono posti che si mettono in mostra facendo solo...

leggi tutto

RESISTENZA TRA DUE CONFINI

. . . " Poi di buon mattino mi alzai ripresi il mio lavoro nella campagna come già dissi sempre aiuto dai a quelli occulti alle grotte di montagna. Quando nel Quinto va nel Sesto i rai stavo a lavorar nella salagna mentre con legno cocevo il carbone vennero due di...

leggi tutto

CROMATISMI TAROCCATI

Mentre le macerie ancora ostruiscono quasi tutti i paesi, mentre gli allevatori protestano perché manca l' acqua per le bestie e continua a non piovere, mentre lo spopolamento dell'Appennino continua ed i giovani sono costretti ad andare altrove perché non trovano...

leggi tutto

NON E’ SOLO PIOGGIA

MIO PADRE ( tratta dalla raccolta Adusera 2013 ) Mio padre lavorava la campagna e non pensava mai alla fatica. Mio padre poi amava la montagna dagli usi e dalla costumanza antica   Mio padre aveva fatto l'emigrante con la valigia di cartone rotta. Mio padre forse...

leggi tutto

LE MASSAIE DI UN TEMPO

"Marite mì! Che fatica lù vangà? Mitte quà e leva là... Lù filà fa tribulà Te strappa lù core..."   La massaia era colei che come occupazione esclusiva, principale , curava l'andamento della propria casa, acquisendo competenze legate alla parsimonia ed al buon...

leggi tutto