I racconti delle pietre

di Vittorio Camacci

Che sia nato un nuovo genere letterario?…. Proprio qui tra cumuli di macerie e polvere?….Chi è Vittorio Camacci?.
La poesia estemporanea, già radicata nel tessuto sociale come pratica sarcastica e fantasiosa, è sfociata nella musica da tempo negli stornelli dei suonatori di Organetto ed Armonica.

Oggi influenza anche una nuova corrente culturale, il racconto estemporaneo, prêt-à-porter. Ricco di riferimenti identitari, riprende il contenuto storico culturale locale inserendovi contenuti sarcastici e fantasiosi tipici della poesia di un tempo e ne sedimentata il contenuto. I sapori buoni della montagna dell’Alto Tronto….. Racconti che vanno letti tornando con la nostra mente al tempo dei racconti dei nonni, dove la fantasia si legava agli insegnamenti tramandati ed ad esperienze uniche, vi si aprirà una porta gigantesca e li, in quell\’atmosfera incredibile ecco la grande bellezza del nostro mondo….. Entrate e la vista supererà la realtà.

Continua a leggere

Articoli:

SPERANZA, FEDE E CARITÀ

Per non vedere e sentire Bisognerebbe tapparsi occhi e orecchie Quando vedi il tuo paese distrutto E ancora continui a sostenere i responsabili O sei complice o sei stupido Disse la verità alla falsità: "Io sono il sole e tu sei il fulmine. Io illumino, tu abbagli. Io...

leggi tutto

LA RITIRATA DEL 1944

Sul finire della seconda guerra mondiale anche le nostre zone furono segnate dal passaggio della ritirata tedesca. In gran parte a piedi, disfatti e disciplinati, soldati e ufficiali tedeschi guardando per terra, sfilavano. Quando passavano c'era solo un gran...

leggi tutto

Nostalgico Natale

Ormai da diversi anni si è consolidata l'usanza di accendere le luminarie quasi un mese prima delle feste natalizie. Per prima cominciano i centri commerciali, non disinteressatamente, montando giganteschi alberi di Natale illuminati da migliaia di luci colorate, poi...

leggi tutto

DI FRONTE AL VETTORE

Skyrunners dal volto di pietra facce bruciate dal sole estivo percorrono i tuoi declivi calcarei cercando un'epica vittoria.   Paiono guerrieri germanici alati tanto sfiorano leggeri la roccia muscoli tesi e sguardo fiero di chi non ha paura della morte.   Le Fate...

leggi tutto

PARADISO PERDUTO

E se parlo di paradiso allora sto parlando dei miei amati monti li porto sempre nascosti nel mio cuore che nessun altro sapesse tranne me così non riescono a rubarmeli. Quando la vita mi mette in scacco traccio i loro profili nella mente sento il profumo del bosco nel...

leggi tutto

C’ERA UNA VOLTA LA VENDEMMIA

La vendemmia era uno dei momenti più gioiosi dell'anno, ma anche uno dei più faticosi ed intensi. Il duro lavoro si superava con l'allegria dei canti, delle risate e delle stornellate, trasformandolo in un momento di socializzazione e quasi di evasione, in quanto si...

leggi tutto

TRE POESIE PER L’ AUTUNNO

QUINTODECIMO Mentre guardo quei massicon gli occhi fissimessi tra le case come giganti.Mentre guardo il cielo come i tuoi occhicapisco chequesta vista mi appaga.E' tutto reale: quella strana fontanala coppietta che passeggia,il fiume che scorre sotto il ponte.Che...

leggi tutto

IL CARRO DEI VINTI

RITORNO A CASA Ancora ricordo i miei passi nel bosco di castagni In questa piccola terra quasi invisibile Tra massi d'arenaria venuti giù dall'atopiano Dove non c'è nessun orologio a segnare il tempo Che vola insieme al vento e riporta al tempo passato Sussurrando...

leggi tutto

ULTIMA DIFESA

PIAGGIATOR LECCHINO MAI Dicono che il sogno è finito Io continuo a sognare queste valli I sentieri abbandonati intorno a casa I pascoli che si perdono nella macchia I miei occhi si sono fatti sogno   Di queste montagne, di questi declivi Dell'infinito cielo...

leggi tutto

UNA GIORNATA D’AGOSTO

L'estate è sinonimo di gioia, di scoperte e di avventure. Le attrattive del nostro territorio sono tanto conosciute, ma spesso nelle località più famose il rischio è di incrociare folle di turisti e dover aspettare a lungo anche solo per scattare una foto o prendere...

leggi tutto