I racconti delle pietre

di Vittorio Camacci

Che sia nato un nuovo genere letterario?…. Proprio qui tra cumuli di macerie e polvere?….Chi è Vittorio Camacci?.
La poesia estemporanea, già radicata nel tessuto sociale come pratica sarcastica e fantasiosa, è sfociata nella musica da tempo negli stornelli dei suonatori di Organetto ed Armonica.

Continua a leggere

Articoli:

BALLI IN MASCHERA

La mamma aveva un diavolo per capello, stava friggendo le castagnole, doveva stare attenta che non bruciassero. Poi le depositava in una ciotola, sopra un foglio di “carta paglia” e le cospargeva con l’Alchermes e lo zucchero. Io le ronzavo attorno per assaggiarne...

leggi tutto

GLI INVERNI DI UNA VOLTA

Una storia che, parlando di inverni e gelate, testimonia che nei secoli passati ci furono inverni talmente rigidi da congelare il fiume Tronto al punto di permettere alla gente di attraversarlo a piedi. L'ultimo di questi "grandi" inverni fu quello del 1929. Fioccava...

leggi tutto

IL QUARTO RE

Nella notte di Natale, il cielo di Betlemme, fu illuminato dall’apparizione della Stella Cometa, tutti rimasero stupiti e si chiedevano cosa fosse e da dove venisse quell’astro tanto luminoso. Alcuni saggi compresero che quella stella annunciava la venuta del Messia,...

leggi tutto

CARO PAPA’ ( lettera a mio padre )

Papà penso sempre a te ed a quando spendesti sempre poche parole per insegnarmi il rudimento del vivere o meglio l’arte del sopravvivere e quando tirandoti per la cinta chiedevo il perché, non davi mai risposta alle mie domande ma mi portavi con te sui sentieri di...

leggi tutto

 LA SOLITUDINE DELLA VECCHIAIA

  Il vento è calato, ora la montagna è tornata in pace ed il cielo è di un'indescrivibile limpidezza. Se guardo il panorama mi ipnotizzò, è di una bellezza disarmante, policroma, screziata, con la predominanza di un verde cangiante. Nella solitudine, davanti a...

leggi tutto

IL NOSTRO CROSTACEO

Il gambero di fiume autoctono è un crostaceo che vive nei nostri corsi d’acqua dolce. Esso è lungo, circa 15 cm e può pesare fino anche un etto. Robusto di aspetto è di colore variabile : nero, grigio-verde, bronzeo, arancio-marrone mentre la parte ventrale è color...

leggi tutto

SE QUESTA E’ VITA

C’è vento forte oggi, scende verso la valle del Tronto come ogni volta che cambia il tempo, soffia per portar via le nuvole che pian piano si fanno lontane lasciando il posto al sole. Sono seduto sulla veranda della SAE a godermi questo spettacolo cercando con lo...

leggi tutto

LE FIACCOLE PER MARIA

Oggi mi sono regalato un sabato particolare di metà settembre. È iniziato come al solito al suono della sveglia seguito da una frugrale colazione, poi infilato lo zaino in auto si parte per un lungo viaggio che mi condurrà dall'altra parte della Laga. Arrivo a Piano...

leggi tutto

LA PANCHINA

“Piova”! Seguirono attimi di silenzio e nessuno osava ribadire all’ affermazione che il vecchio N’dò  aveva fatto scrutando il cielo. Non ci si faceva caso, allora nessuno aveva fretta ed il lento passare del tempo era un fatto normale e piacevole. Finalmente...

leggi tutto

IL FESTIVAL DEI BORGHI DELLA LAGA

Dopo alcune partecipazioni a quest'evento posso dirlo con certezza: minuscoli borghi, dignitosamente restaurati, cercano di risorgere tra mille difficoltà con un festival popolare, commovente, pieno di antiche usanze e tradizioni, addolcito da una cucina casereccia...

leggi tutto